“Va’ dove ti porta il cuore”. Ed il vento!

Sole e mare sono sicurante due caratteristiche principali dell’estate salentina, ma ce n’è una terza che la contraddistingue, ed è il vento.

Chi conosce la zona, splendida sia per spiagge che per mare cristallino e trasparente, ben sa anche che il vento è davvero un ingrediente fondamentale in questa ricetta estiva, arrivando a influenzare lo stato del mare su cui soffia, sia che si parli del versante Adriatico che di quello Jonico che, anzi, molto spesso, si alternano in contemporanea con moti ondosi calmi e agitati, proprio a seconda del vento del momento.

Per scegliere, dunque, la migliore spiaggia su cui passare una gradevole giornata di vacanza, è importante saper “leggere” la situazione ventosa, avendo peraltro la fortuna di avere una vasta gamma di scelta, prerogativa, questa, di una terra generosa sia dal punto di vista naturalistico che delle strutture ricettive.

Vediamo allora una breve guida di riferimento, realizzata da Nelsalento.com portale dedicato alle vacanze nel salento, per poter scegliere la situazione più adatta in base ai due venti dominanti, scirocco e tramontana.

Quando soffia quest’ultimo, i venti spingono da nord verso il sud: questo significa, considerando la posizione geografica del Salento, che il Mar Adriatico, con la tramontana, tende ad essere mosso mentre, viceversa, lo Jonio quasi sicuramente sarà calmo, con le correnti che, seguendo il vento, si dirigono verso il largo. Fa eccezione la zona fra Otranto e Leuca che, pur affacciandosi sull’adriatico, risulta essere più calma anche in questo caso.

Fatta questa premessa, la scelta cambia in base al tipo di litorale che si preferisce, e cioè relax in un mare cristallino e calmo oppure sport e adrenalina se si amano le onde o, perché no, il surf. E quindi sarà possibile rilassarsi a Porto Badisco, all’interno dell’area protetta del Parco regionale della Costa di Otranto, approdo fra i preferiti dei bagnanti che cercano insenature riparate e mare calmo; oppure cavalcare le onde a Torre Chianca, una delle marine della costa più vicina a Lecce, con le lunghe spiagge senza alcun riparo e con le onde proprio “a cavalloni” quando la forza della tramontana si scatena su quel mare così intenso.

All’esatto opposto della tramontana, lo scirocco, vento caldo proveniente dal continente africano, soffia da sud e agita il Mar Jonio, rendendo invece mite il versante del nord adriatico. In queste condizioni, pertanto, chi desidera una situazione di relax in spiaggia dovrà orientarsi nell’area delle marine di Lecce fino ad Otranto, dove troverà litorali meravigliosi con insenature sabbiose e mare cristallino, come a Torre dell’Orso, una fra le località più conosciute della zona,

Un’eccezione sullo Jonio è data dal tratto che da Punta Pizzo arriva sino a Punta della Suina, laddove il cosiddetto “corno” protegge il mare, consentendogli un moto ondoso meno intenso anche in presenza di scirocco.

Brevemente un accenno anche a zone toccate dal vento di grecale, per certi versi simile alla tramontana vale a dire che con i venti da nord-est avremo mare mosso sulla costa adriatica fino ad Otranto, più calmo da Otranto fino a Leuca, e molto calmo sulla costa ionica: in queste presupposti, la costa ionica a sud di Gallipoli e fino a Leuca risulta particolarmente calma, e le spiagge più rinomate e belle da vedere sono, da sud a nord, Pescoluse, Torre San Giovanni e la riviera di Gallipoli.